In tema di ammissione al patrocinio a spese dello stato di enti o associazioni senza scopo di lucro in procedimenti penali per reati ambientali, deve essere tenuto presente il limite di reddito previsto per il cittadino non abbiente. (Nel caso di specie, l’associazione non veniva ammessa al patrocinio a spese dello stato perché il conto economico dell’anno precedente aveva avuto un avanzo netto di Euro 127.944,17).

DIFESA E DIFENSORE NEL PROCESSO PENALE - Patrocinio dei non abbienti. Patrocinio gratuito delle associazioni che si costituiscono parte civile.



R E P U B B L I C A I T A L I A N A
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
TRIBUNALE CIVILE E PENALE DELLA SPEZIA
UFFICIO GIP
DECRETO DI RIGETTO DI ISTANZA
AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO
(D.P.R. 30 maggio 2002 N.115 e successive modificazioni)
Il Giudice delle Indagini Preliminari dr. Mario De Bellis,
vista l'istanza di ammissione al beneficio del patrocinio a spese
dello Stato proposta dalla parte offesa L*;
visti gli atti del fascicolo n. 54/17 R.G. mod. 27 -- n. 1569/16
rgnr - n. 1417/16 r.gip;


Fatto
rilevato che

l'art. 119 d.p.r. 115/2002 prevede la possibilità della ammissione al patrocinio a spese dello Stato degli enti o associazioni che non perseguono scopi di lucro e non esercitano attività economica;

rilevato che detta norma è contenuta nel titolo IV del predetto d.p.r. , relativo al processo civile, amministrativo contabile e tributario, ma la giurisprudenza ha ammesso l'applicabilità della norma anche al processo penale (“Nei procedimenti penali per reati ambientali è legittima la costituzione di parte civile di più associazioni ambientaliste, ciascuna con un proprio difensore, per l'esercizio dell'azione risarcitoria spettante al Comune e alla Provincia, sicché a ciascuna di dette associazioni va riconosciuto il diritto di essere ammesse al patrocinio a spese dello Stato e il diritto alla rifusione delle spese processuali”, così Sez. 2, n. 20681 del 28/03/2007 - dep. 25/05/2007, Cuzzi e altri, Rv. 23677801);

rilevato che si sono a questo punto formati difformi indirizzi giurisprudenziali sulla necessità o meno di tener conto delle condizioni economiche dell'ente;

ritenuto di dover condividere l'indirizzo espresso con ordinanza del Tribunale Milano 14 dicembre 2004 (Giur. Merito, 2005, II, 607; Foro ambrosiano 2004, 503; D&G, 2005, f. 5, 50) secondo la quale anche per l'ammissione al beneficio del patrocinio a spese dello Stato di enti ed associazioni senza scopo di lucro valgono i medesimi limiti reddituali previsti per il cittadino non abbiente, con gli stessi criteri di calcolo, per cui si deve tenere conto anche dei redditi che per legge sono esenti dall'imposta sul reddito delle associazioni non commerciali;

rilevato che dal conto economico del 2015 dell'ente richiedente risulta un avanzo netto di E 127.944,17 , per cui non sussistono le condizioni reddituali di ammissione al patrocinio a spese dello Stato;
PQM
P.Q.M.

RIGETTA l'istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato

La Spezia, 31/03/2017.

Depositato in cancelleria il 31/03/2017.

Newsletter

Vuoi ricevere ogni giorno nella tua casella e-mail l'ultima sentenza della Corte Suprema di Cassazione della disciplina prescelta?

Social network

Dove siamo