Il rinnovo della concessione mineraria di coltivazione non è assimilabile alla fattispecie del rilascio di una nuova concessione, in quanto, in virtù dell'art. 34 r.d. 29 luglio 1927 n. 1443, non v'è soluzione di continuità tra l'originario provvedimento permissivo e la protrazione dei suoi effetti.